• Italiano
  • English

16 aprile 2018 - Manzoni e altri grandi postillatori tra Sette e Ottocento

Giornata di studi organizzata dal Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali

Lunedì 16 aprile, con inizio alle ore 9:30 in Aula E e alle ore 14:30 nell’Aula Ferrari del Plesso d’Azeglio (Via Massimo D'Azeglio, 95), si terrà la giornata di studi Manzoni e altri grandi postillatori tra Sette e Ottocento, organizzata da Donatella Martinelli. L’incontro sarà introdotto da Giulia Raboni, coordinatrice nazionale del progetto PRIN 2015 “Manzoni Online: carte, libri, edizioni, strumenti”.

Nel corso degli interventi verrà illustrata l’attività di “postillatori” di Alessandro Manzoni e di altri scrittori illustri del Sette e Ottocento: Voltaire, Vittorio Alfieri, Vincenzo Monti, Ugo Foscolo e Giacomo Leopardi.
____________

Se è vero che i marginalia sono l’espressione più tangibile di un rapporto speciale dell’autore con i suoi libri, ecco che lo studio di questa testualità apparentemente periferica e ‘stravagante’ diventa uno strumento prezioso per entrare nel cantiere di lavoro dei grandi scrittori. Gli esempi sono ormai numerosi: ma il campo è ancora poco coltivato.
Questo speciale esercizio di scrittura prevede la condizione di un possesso pieno, esclusivo dei testi da parte dell’autore: la postilla include il volume nel perimetro dello scriptorium privato, lo trasforma da mero strumento d’uso in testimone del proprio lavoro.
La nostra giornata di studi vuole indagare questo speciale rapporto dello scrittore con il libro attraverso un approccio tipologico che miri a descrivere, a partire dai dati ‘esterni’, la varia casistica e funzionalità dei marginalia. Questo taglio privilegiato non esclude altri tipi di approccio che dovessero apparire particolarmente produttivi.
Manzoni è un grande postillatore: il corpus dei marginalia fornisce chiavi di lettura importanti per comprendere il suo rapporto con i libri, che poi vuol dire il suo rapporto con la cultura, antica e nuova, percorsa in lungo e in largo. Questa interlocuzione variegata e molteplice si situa nel contesto storico-culturale della rivoluzione illuministica, capace di rifondare ex novo tutti i paradigmi del sapere scientifico. Il confronto del modus operandi manzoniano con quello di altri grandi protagonisti della cultura tra Sette e Ottocento consentirà di definire meglio la varia ‘utilità’ dei postillati quali data base, grandi ‘collettori’, documenti di lavoro, spogli di servizio, ed altro ancora. Si potrà così comprendere meglio le dinamiche di lavoro del Manzoni, nonché degli altri autori chiamati in causa. Di qui l’invito ai relatori perché vogliano fornire un quadro complessivo, se possibile, dei postillati dei singoli autori che consenta di individuare le aree privilegiate dei marginalia, la modalità e peculiarità di annotazione, e la loro ‘utilità’ specifica.

Donatella Martinelli

Pubblicato Mercoledì, 4 Aprile, 2018 - 14:48 | ultima modifica Mercoledì, 4 Aprile, 2018 - 15:52